open university Non Io, ma Noi | Il mio blog su sviluppo sostenibile ed ambiente

La mia esperienza con la Open University

Colgo l’occasione dell’articolo sull’SDG4, quello dedicato all’istruzione, per parlarvi un po’ della mia esperienza con la Open University.
Dopo un anno di studio, un modulo passato e un po’ più di esperienza alle spalle, ci sono un paio di cose che penso alcuni possano trovare interessanti.
La Open University di Londra è una delle principali, se non la più importante, università online. Tutto avviene online, tranne alcuni corsi che necessitano di strutture fisiche impossibili da avere a casa. Una volta iscritti, mandano a casa i libri e poi a date fissate ci sono delle prove scritte sugli argomenti di studio. Si caricano gli elaborati che vengono poi restituiti corretti e con voto.
Il mio primo modulo, quello che ho completato da poco, era focalizzato sull’ambiente, per un totale di sette elaborati, che sono andati a comporre il voto finale del modulo.
Offre la possibilità di avere un’Open Degree, ossia un percorso di studio che non è fisso, ma può variare in base agli interessi della persona – io ho scelto un percorso di questo genere, dove metà dei miei moduli sarà basato sull’Ambiente e metà sulle Scienze Sociali.
L’esperienza in sé è stata molto interessante: rispetto all’università italiana, ho trovato innanzitutto un focus meno incentrato sul nozionismo – sul sapere le cose a memoria – e più sul capire, sull’interiorizzare i concetti. La capacità di essere sintetici ma allo stesso tempo completi, così come l’attenzione alla forma con cui viene scritto l’elaborato era altrettanto importante. I contenuti erano interdisciplinari, ben calibrati tra libri e materiale multimediale e l’aiuto del tutor – che viene assegnato pochi giorni prima dell’inizio del corso – è stato prezioso in più di un’occasione.
È di certo più costosa di un’università italiana statale, ma offre supporto finanziario, considerando che la maggior parte dei suoi studenti sono lavoratori, e sono molto flessibili da questo punto di vista.
Ne vale la pena? Dipende: se siete interessati a studiare una materia senza essere costretti a rimanere in un posto, o semplicemente volete fare un’esperienza diversa, può essere quello che fa per voi. Personalmente, non vedo l’ora di iniziare il prossimo modulo!

Se vi interessa questo argomento, o volete farmi sapere la vostra opinione,
commentate o scrivetemi!
Love as thou wilt,
Noemi

Noemi Bardella

Rispondi

it Italian
X
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi