arctic_ocean Non Io, ma Noi | Il mio blog su sviluppo sostenibile ed ambiente

Come uno scettico si è ricreduto sul clima

Benvenut*!Oggi parliamo di questo articolo apparso su New York Times nel 2012.

Parla di come l’autore, Richard Muller, si sia convinto del fatto che il cambiamento stia avvenendo e che sia colpa dell’uomo.

Muller fondò con la figlia il progetto “Berkeley Earth Surface Temperature”: i risultati del progetto vennero analizzati, dimostrando che le temperature sulla terraferma erano cresciute di due gradi e mezzo fahrenheit, superando perfino i valori comunemente accettati dall’IPCC.
Dato lo scetticismo scientifico che caratterizzava la ricerca, sono stati accuratamente analizzati tutti i dati a disposizione per evitare bias di qualunque tipo, giungendo così alla conclusione che l’unica spiegazione possibile all’aumento delle temperature che si sta registrando ovunque è l’aumento della concentrazione di CO2 nell’atmosfera. Quest’ultima è determinata soprattutto dalle attività umane, giungendo così allo stesso risultato di chi ha sempre sostenuto che il cambiamento climatico sia provocato dall’uomo.

Muller continua a rimanere molto scettico su certe affermazioni dal carattere un po’ sensazionalistico, ma l’applicazione del metodo scientifico gli ha permesso di questionare il proprio scetticismo andando a cambiare le proprie convinzioni davanti ai risultati di un solido esperimento.

Se solo tutti gli scettici del cambiamento climatico fossero così!

Cosa ne pensate? Avete opinioni o suggerimenti su questo argomento?
Commentate o scrivetemi!
Love as thou wilt,
Noemi

Noemi Bardella

Rispondi

it Italian
X
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi